Badante donna o uomo: come decidere chi chiamare

Quando si parla di badante, non c’è dubbio che si pensa a una donna. In effetti, le statistiche dicono che più di 9 badanti su 10 sono donne, e rimane un lavoro considerato femminile. Ma negli ultimi anni il numero degli uomini che hanno deciso di intraprendere questo percorso è notevolmente aumentato.

Quindi, quando decidete di contattare un servizio di badanti Milano, tenete conto che questo è un altro degli aspetti sui quali potete, e dovete, prendere una decisione. Perché è sempre la famiglia a fare le richieste più importanti, quando è il momento di scegliere la figura professionale che assista la persona anziana. Soprattutto se si tratta di una convivenza fissa, rivolgersi a un uomo o una donna fa la differenza.

Perché tante badanti sono donne

La prima domanda è: ma perché la badante è un lavoro prettamente femminile? Perché nell’immaginario collettivo una donna è più portata all’assistenza familiare e alla cura della casa. La badante infatti si occupa spesso anche di pasti, spesa e piccole faccende quotidiane, e fino a una generazione fa tutto ciò era quasi appannaggio femminile. Oggi però che le cose stanno cambiando, ci sono sempre più uomini che sono in grado, e decidono, di occuparsi di assistenza.

Ecco quindi quando conviene pensare a un uomo

L’assistito è un uomo

Questo è il motivo più scontato: un uomo anziano potrebbe sentirsi maggiormente a suo agio con un badante dello stesso sesso. Fate attenzione però, perché non è una regola generale. Per esempio, per l’igiene quotidiana un uomo potrebbe comunque sentirsi più tranquillo con una donna. Valutate quindi caso per caso.

L’assistito deve essere spostato

Se la persona da assistere ha una mobilità molto ridotta, e deve essere spostato per esempio da letto alla carrozzina o al divano, può essere utile una forza maschile. Un badante potrebbe sollevare l’anziano più facilmente e con meno rischio.

Sostituzione durante i turni di riposo

Se avete già una badante donna fissa in casa, potreste aver bisogno di qualcuno che la sostituisca durante le ore di riposo quotidiane. Potreste chiedere un uomo, per far compagnia a un anziano, o anche per permettergli di interagire con persone diverse.